Dieta, dimagrire e benessere profondo – Condizionamento o saggezza?

dieta alimentazione sana dimagrireArriva la primavera e il corpo inizia a pulsare – insieme all’idea di mettersi a dieta: i sensi si risvegliano, il desiderio aumenta, la voglia di muoversi diventa irresistibile e noi entriamo nel meraviglioso stato di coscienza in cui ci invita Madre Natura.
Più o meno consapevolmente, tutto ciò che riguarda il corpo diventa più importante del solito: i colori e gli stili primaverili irrompono stupendi nelle vetrine dei negozi, e noi vorremmo resuscitarci come gli alberi e i fiori, ma prima di tutto ci troviamo a fare i conti con quei chiletti di troppo che ci assillano già da un po’.

Per diversi anni mi sono sentita così, finché non ho iniziato a elaborare il mio corso online sulla bellezza – proprio la primavera scorsa, nel 2015; da quel momento in poi qualcosa dentro di me è scattato, e ho compreso profondamente che non si trattava di capire come dimagrire o quale dieta dimagrante fare – si trattava di altro.

Ti premetto che oggi ho trovato la mia strada, che non è fatta di dieta mediterranea, dieta Dukan o dieta proteica, ma anzitutto di questi due elementi:

  1. Sono riuscita a portare i miei allenamenti quotidiani a un’ora e mezza al giorno tutti i giorni, con immenso piacere del mio corpo, della mia psiche e della mia anima, visto che mi muovo a contatto con la natura oppure faccio yoga.
  2. Ho finalmente trovato gli orari giusti per i miei pasti, che mi fanno sentire nutrita ma anche sempre leggera: io la mattina mi sveglio alle 6:30, fino a verso le 10/11 lavoro bevendo acqua bollita a go-go; in tarda mattinata faccio un’abbondante colazione (dolce o salata, come mi va), e poi faccio un unico altro pasto completo (primo e contorno, primo e secondo, oppure secondo e contorno) tra le 17 e le 18:30.

Così sto alla grande, e posso raccontarti come ho fatto, quali linee guida ho seguito.

Dieta vegetariana? Dieta vegana? Oggi non fanno per me; preferisco un’alimentazione sana

dimagrire alimentazione sana dietaQuando ho iniziato ad abitare per conto mio, fuori da casa dei miei, avevo 19 anni; dopo un viaggio in un posto dove si mangiava vegetariano mi ero sentita così bene che avevo deciso di intraprendere una dieta vegetariana. La portai avanti con soddisfazione e senza nessun sacrificio per cinque anni, e per il sesto optai per una dieta vegana.
Avevo bisogno di alleggerirmi profondamente, di purificarmi da una vita di schifezze di ogni tipo, e questi regimi alimentari erano perfetti: hanno funzionato alla grande sotto tutti i punti di vista!

A un certo punto, però, l’obiettivo era stato raggiunto e il mio corpo ha iniziato di nuovo a voler reintegrare tutti i cibi; e così io, nell’ascolto e nel rispetto della natura da cui vengo e a cui appartengo, ho assecondato quel richiamo. Scoprendo che un’alimentazione sana passa anche attraverso alcuni elementi che pochi sembrano considerare:

  1.  Ok la qualità del cibo e il cibo bio, ma un fattore decisivo nell’assimilazione dei nutrienti è come gli alimenti vengono cucinati – e se vengono cucinati. Per me che tendo ad avere l’intestino infiammato, per esempio, è meglio mangiare solo ogni tanto cibi crudi; cotti sono sempre meglio, ma non lessati, soffritti o lasciati andare per ore, che perdono tutto ciò che di vivo hanno dentro. Saltati o al vapore sono perfetti.
  2. Il cibo stagionale e a km 0 (o quasi) ci nutre molto di più: noi abbiamo radici in una terra specifica, non nel mondo intero, e ci nutre ciò che viene da quella terra nel dato momento che stiamo vivendo – o meglio, ci nutre molto di più di ciò che viene da un’altra terra e che per sua natura tende a spuntare in un diverso periodo dell’anno. Basta osservare la natura per rendersene conto.
  3. L’orario in cui mangiamo e la quantità complessiva di cibo che ingeriamo – e che poi il nostro corpo deve elaborare, assimilare e digerire: nel mio caso, ad esempio, il fatto di mangiare sempre e solo finché è giorno e ben lontano dal momento di dormire sta facendo una differenza immensa nella qualità della mia digestione e nel senso di leggerezza che provo, su tutti i livelli! Così come la quantità totale di cibo: sono stata educata a mangiare troppo, il mio fabbisogno giornaliero è minore, non necessito di tre pasti al giorno, né tanto meno di cinque (per carità!); con due mi trovo benissimo!

La dieta giusta ci viene indicata dal nostro corpo e bioritmo; il punto non è come dimagrire ma come stare bene

alimentazione sana dimagrire dietaIl corpo non è una macchina da usare, è un essere vivente da ascoltare; è la casa della nostra anima, è una parte fondante della nostra identità; è ciò che noi siamo, da un certo punto di vista.
Un’alimentazione sana ci aiuta a mantenerci in salute, che è fondamentale per stare bene (anche psichicamente e spiritualmente), per godere di una buona qualità di vita e per essere delle persone di valore e di successo – senza una salute che tenda all’ottimo, il benessere profondo, la qualità della vita e la realizzazione dei propri sogni sono mete semplicemente irraggiungibili.
Dicevano bene le nonne: la salute prima di tutto.
E’ vero, perché la salute è il presupposto basilare della felicità .

A livello sottile, è essenziale spostare l’attenzione dal come dimagrire e quale dieta provare quest’anno al come incarnare determinati valori e stati d’animo; per me la bellezza, la leggerezza e il divertimento sono tasselli imprescindibili della vita, senza mi deprimo, dunque il mio desiderio è incorporarli, dar loro una forma che sia anche fisica e materiale, oltre che astratta e ideale.
Non c’è dieta che può sostituire l’ascolto del corpo e il viverci dentro, il sentirlo pulsare come un tutt’uno con la nostra anima, il saper godere della vitalità, dell’energia che vi circola e del piacere profondo del sentirlo stare bene; questa vibrazione di benessere e questo sentire profondo sono delle sagge guide, che ne sanno mille volte di più di qualsiasi esperto e libro.
Riappropriarci del sentire fisico e della saggezza del corpo, secondo me, è una delle grandi scommesse del nostro tempo, ed è quello che facciamo nel percorso Come fare pace col tuo corpo e guarire la tua anima.

Ilaria Cusano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *