Insegnamenti di vita da “La donna dalla coda d’argento” – 1

Le migliori citazioni da uno dei libri di Hernán Huarache Mamani

«L’uomo e la donna non vengono educati perché formino poi una famiglia: l’istruzione serve solo per formare dei lavoratori. Non vengono insegnati nemmeno i rudimenti più elementari della vita. Gli uomini e le donne non sono preparati per innamorarsi, sposarsi e mettere al mondo dei figli
«Perché non si fa qualcosa? Anche noi abbiamo gli stessi problemi in Europa.»
«La maggior parte delle volte, questo accade perché non siamo coscienti del problema e non desideriamo risolverlo».

«Tieni presente che gli animali vivi sono quelli che ti faranno meno male. Sono gli esseri invisibili che popolano questi luoghi quelli che metteranno a dura prova i tuoi nervi. Solo quando ti riterranno una donna senza paura e piena d’amore, qualcuno di loro ti parlerà e ti darà dei consigli.»

insegnamenti di vita

«Vivi pienamente il presente e lasciati andare completamente a quello che stai facendo. Non essere una mera spettatrice, ma trovati nel suo stesso centro, attraverso l’azione.
«Di’ alle sorelle del tuo Paese che noi donne siamo il punto d’appoggio per muovere il mondo; che, se un uomo vuole iniziarsi, lo farà grazie a noi e che se il divino vuole umanizzarsi, lo farà sempre attraverso di noi. Chi voglia scoprire i misteri della divinità, dovrà penetrare il cuore della donna. Il giorno che veramente sarai una donna, incontrerai questo frutto sul tuo cammino.»

«Nella vita bisogna avere il coraggio sufficiente per fare dei passi, anche se sono sbagliati. Il cammino della saggezza è nel non aver paura di sbagliare perché le delusioni, le sconfitte, i fallimenti ci insegnano. Chi persiste nel suo impegno, e trae profitto da ogni caduta, vincerà.»

Psicologia e spiritualità – Insegnamenti di vita diversi ma complici

«La paura è un meccanismo tipicamente femminile, che ci permette di mantenere la distanza, di prendere precauzioni quando è necessario, di scappare o, nel peggiore dei casi, di farci sottomettere. Invece l’ira è maschile, è aggressiva, violenta e istantanea, è qualcosa che obnubila la ragione, è un impulso feroce, come una molla che ci obbliga a lottare, a difenderci, anche se la nostra vita non è in pericolo. Tu non sarai te stessa finché non avrai capito che questi due elementi coesistono dentro di te. Accettati così come sei e troverai la pace che cerchi.»

«Nella vita la tua volontà deve essere ottimista anche se la tua mente è pessimista, se vuoi andare avanti. Inoltre, la dignità non si esprime con i vestiti, i gioielli, con quello che si indossa, ma nel modo in cui la persona si valorizza. E persino nel modo in cui si muove e cammina».
«E io come cammino? Che opinione hai di me?»
«Nel modo di camminare tu assomigli a un uomo, devi essere più femminile nei tuoi movimenti.»
«Non so come si fa, mi pare di averlo dimenticato, non me l’ha mai fatto notare nessuno.»
«Per correggerti fai questo esercizio, ripetiti mentalmente: io sono una gran donna! Fallo varie volte. Poi alza il volto, dirigi il tuo sguardo verso l’orizzonte, con il corpo ben eretto e bilanciato, avanza con passo soave sulla punta dei piedi. Osserva come cammino io.»

insegnamenti di vita

Quando sarai veramente una donna… Insegnamenti di vita

Lara guardò Mama Maru e solo allora si rese conto di qualcosa: nonostante l’età e il carico che trasportava, avanzava con cadenza, ritmo e garbo nella camminata. Lara cercò di imitarla, ma poi desistette perché faceva ancora più fatica. Mama Maru, dopo aver osservato il suo incedere, le spiegò:
«Quando cammini mostri che ti sottovaluti. Se vuoi modificare la tua andatura, devi aggiungere un’immagine al movimento: visualizzati come una grande donna. Nel tuo camminare, conta anche quello che pensi di te. Non basta tenere il petto in fuori, le spalle dritte o il viso diretto in avanti, se dentro di te ci sono dei pensieri negativi. Finora hai pensato di valere poco. Ti sei sempre sottovalutata nonostante le tue buone qualità. Cosa hai ottenuto in questo modo? Semplicemente di mostrarti alla gente come una persona di poco valore.
«Adesso mettiti dritta, cammina con scioltezza ed eleganza, anche se ti porti addosso un peso di una tonnellata. Pensa soprattutto che sei una donna bella, forte, potente e che non conosci la stanchezza. Ripetiti nella mente: “Sono bella, sono preziosa, sono una persona importante”.»
«Ma questo sarebbe vanagloriarmi e gonfiare il mio ego» replicò Lara.
«E’ meglio questo che avere un ego abbattuto. Tu cerca di darti valore, sentiti una donna importante, per quello che sei. Se non sei importante di fronte a te stessa, non sperare nemmeno di esserlo per gli altri.»

insegnamenti di vita

Liberamente tratto da La donna dalla coda d’argento, di H. H. Mamani

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *