Il Viaggio dell’Eroina – Una storia vera

Blog Novel by Mamma Fenice, 10ª puntata – Ritorno a casa

coaching mamma coppia famigliaQuindi ritorno in famiglia dopo la depressione.
Le dinamiche famigliari, ovviamente, si sono modificate: non è che siano fisse, variano in funzione delle persone. La depressione, oltretutto, si è mangiata molti dei miei ricordi, dalle ricette ai nomi delle persone e dei luoghi. Ogni giorno è una scoperta: per esempio, oggi faccio la torta ma la ricetta la cerco su internet; ho la tosse ma la cura la chiedo alla mamma, etc.
Questo mi lascia da un lato contenta, perché non amo le cose ripetitive ma l’avventura, ma dall’altro perplessa, perché tutto il mio knowledge di mamma, moglie, casalinga che fine ha fatto? Si vive alla giornata.

Dentro la coppia

E’ molto facile, per me, lasciarmi andare ad accessi di rabbia, sfoghi. Se da una parte la specialista che mi segue ne è contenta, dall’altra questi sfoghi si riversano su mio marito. Perché, se prima era padrone di decidere solo in base al suo ragionamento, adesso ci sono di nuovo anch’io.
E’ un po’ come iniziare una nuova convivenza: nuovi spazi da spartire, nuove mansioni da dividere, etc. Però, se ci si urla contro, la conseguenza immediata è la non attrazione verso l’altro. O la prevaricazione.
Dovremmo essere capaci di esporre i fatti, o le nostre ragioni, senza  aggredire o giudicare l’altro. Devo lavorare sulla gestione della rabbia e sul vedere anche mio marito con occhi nuovi.

O forse no: forse dovrei vederlo con gli occhi vecchi, quelli con cui l’ho visto la prima volta e che mi hanno fatto innamorare di lui.
Lui non è cambiato; le cose che ora mi sembrano pregiudizi suoi insormontabili, allora mi avevano attratta.
Sono io che sono cambiata, allora? Sono le mie priorità, o non sono più capace di vedere la scala di queste priorità?
Dovrei stabilire a cosa tengo davvero: vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo, ok. E allora chi passa in lavanderia non è importante, io o te ci passeremo; importante è dirti che ti amo, farti due coccole. Non offenderti, non sputarti veleno addosso mentre litighiamo, non offenderti. Perché, diciamocelo: noi donne quando vogliamo sappiamo tirare fuori dai ranghi l’avversario.

Al nucleo: Ritorno a casa nel ritorno a casa, con effetto matrioska

coaching mamma coppia famigliaIo ci sono di nuovo, e mentre prendo coscienza di esserci e della famiglia e del mondo che mi circondano, dovrei essere capace di vedere me stessa con occhi nuovi, con una nuova consapevolezza, un po’ dall’esterno.
Dovrei intuire se quello che faccio mi rende felice; dovrei aprire anche i miei sensi a questa vita nuova. Forse sforzarmi non solo di vedere il paesaggio, ma di ascoltare i rumori, gli odori (che erano spariti ma a volte ritornano), il tatto, le sensazioni, il gusto e soprattutto le emozioni.

Non è facile. Dopo essersi lasciati vivere, riprende questo gusto di sentire. Ci voglio provare.
E voglio provare, prima di urlare, a capire perché ho voglia di urlare; qual’è il vero motivo. Se, effettivamente, è una discussione da fare, devo aver presente non solo il mio punto di vista ma anche gli altri, in modo che la discussione non esca dal territorio del costruttivo e non offenda la mia dolce metà.

Mamma Fenice

 

Dettagli Articolo
Viaggio dell'eroina, 10ª puntata
Titolo
Viaggio dell'eroina, 10ª puntata
Descrizione
Blog Novel, 10ª puntata: Ritorno a casa. Il racconto di un intenso percorso formativo, l'attraversamento di un oscuro tunnel e l'uscita eroica, da parte di una donna.
Autore
Publisher
Life Coach Spirituale
Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *