3 posizioni yoga per la sciatica infiammata

Dai sollievo alla sciatica con lo yoga

In generale, per dare benessere alla sciatica, a livello di yoga bisogna lavorare con gli archi. Poi allo yoga sarebbe sempre bene accompagnare un po’ di meditazione, anche qualcosa di breve e semplice, non mirata necessariamente alla sciatica, in questo caso; vanno bene anche le 10 meditazioni che insegno io nel mio video-corso.
Ma torniamo agli asana per la sciatica.

Si tratta di posizioni delicate da fare. Ne consiglio la pratica esclusivamente alle persone già esperte nello yoga, o in grado di farsi aiutare da un insegnante o un trainer per lo meno per l’impostazione dell’asana
Una volta capito come praticarlo, si può anche proseguire da soli, ma bisogna esser certi di farlo bene, altrimenti ci si puó fare ancora più male di quel che si ha già.

In questo articolo parlerò di due archi per iniziare, e una torsione come ultimo asana, per defaticare e rilassarsi.
L’ordine in cui praticare le posizioni è lo stesso in cui le indico; se serve, possibilmente, con un po’ di riscaldamento prima.

Shiva Nataraja, o Shiva danzante

La prima posizione che suggerisco, e la più facilmente praticabile, tra l’altro, è quella di Shiva Nataraja.

yoga-sciatica

In questo asana, il punto fondamentale da curare per la sciatica è l’ombelico: deve essere tenuto sempre in dentro, portandolo verso la colonna vertebrale e leggermente in su. 
Dopo di che,

  • pianta del piede ben radicata a terra,
  • busto il più possibile rivolto verso davanti;
  • il collo del piede sollevato deve spingere dentro il palmo della mano
  • e lo sguardo deve essere fermo e concentrato sull’unghia del dito medio della mano protesa in avanti.

Ustrasana, il cammello

Questo asana è molto delicato, bisogna stare ben attenti a praticarlo correttamente.
Una volta che si è certi di riuscire a tenere la pancia totalmente in dentro, con l’ombelico risucchiato verso la colonna e in alto, allora si potrà dare un gran sollievo alla sciatica dolorante.
Diversamente, si andrà a schiacciare ancora di più la zona del sacro, e allora invece che meglio si starà peggio.

Detto ciò, non bisogna aver paura; solo massima attenzione, ascolto del corpo e cura verso ciò che si sta facendo.

yoga-sciatica

Come abbiamo già detto, il punto nevralgico per alleggerire la sciatica è l’ombelico. Di seguito, invece, le altre indicazioni per praticare correttamente la posizione del cammello:

  • collo del piede ben ancorato a terra,
  • spalle rilassate,
  • braccia che ruotano in una spirale dall’interno verso l’esterno;
  • il petto è aperto e rilassato,
  • la bocca è leggermente aperta, per rilasciare tutta la tensione che si accumula nella mascella,
  • e la posizione della testa è tenuta (non lasciata andare) attraverso l’orientamento verso dietro (e non verso il basso) del punto della fontanella, cioè la sommità della testa.

Nel caso in cui non si riesca a raggiungere le caviglie con le mani, va bene lo stesso: meglio curare bene il contenimento dell’ombelico e lasciare le mani a tendere verso le caviglie, senza raggiungerle,  piuttosto che raggiungerle finendo con lo spanciare e, per forza di cose, portando la posizione a schiacciare l’area del sacro.
In altre parole, le mani sulle caviglie sono secondarie, mentre l’ombelico in dentro è assolutamente primario.

Udarakarsanasana

Per questo ultimo asana ho deciso di mettere qui un video, in cui un’esperta di yoga spiega benissimo come praticarlo.
È la posizione più facile da fare, comunque, ed è ottima in questo ordine, dopo le altre due, per godere anche di qualche minuto di defaticamento, alla fine della pratica.
La meditazione va dopo il defaticamento, per far sì che gli effetti scatenati nel corpo arrivino anche nei livelli più sottili e nella mente, che abbiano il tempo di sedimentarsi in profondità.

Il video è in Inglese, ma mi sembra si capisca abbastanza bene anche per chi non parla fluentemente questa lingua. 
Se non è chiaro qualcosa, possiamo usare lo spazio dei commenti qui sotto per andare più nel dettaglio con domande e risposte.

Ho scelto proprio questo video anche se è Inglese per un’ulteriore ragione importante: per l’approccio con cui la donna dimostra la pratica dell’asana.
I dolori di sciatica, sebbene hanno a che fare anche con degli organi e dei muscoli, si manifestano come sofferenze dei nervi. Perciò è basilare trovare anzitutto la calma e la pace. La pratica dello yoga, a maggior ragione sempre unita alla meditazione, per tali dolori può essere particolarmente utile e benefica anche in questo senso.

Ilaria Cusano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *