Cambiare vita con gli archetipi – Blog Novel 13

Gli archetipi possono aiutarti a cambiare vita – Blog Novel 13ª puntata: Juno

blog-novel-donne-cambiare-vita

Cambiare vita vuol dire sapere quando dire basta.
Tra le donne, c’era Juno. Juno che nella comune anni ’60 in cui era stata anche Kore ci viveva ancora, anche se erano rimasti solo in quattro; Juno che ci si trovava benissimo nella vita di gruppo, nella produzione di prodotti e cibi buoni, sani ed etici; Juno che lasciava trasparire poco di sé perché era avvezza a nascondercisi un po’ in questo gruppo, in queste montagne, e a perdercisi forse, anche.

Juno aveva una di quelle relazioni da coppie belle, stabili e di vecchia data; era una cittadina metropolitana, in verità, una Romana laureata in antropologia, acculturata, intelligente e seria, che a un certo punto aveva deciso che voleva vivere in campagna, a contatto con la natura e le persone, in una dimensione a misura d’uomo, gradevole, sostenibile e foriera di un futuro degno per noi stessi e per i nostri posteri.

Solo che, al di là dell’amore…

… e al cospetto di mille idealismi, dei sogni nel cassetto effettivamente realizzati, qualcosa le era venuto a mancare, qualcosa non le tornava più, e quel qualcosa si chiamava Juno. Chi era esattamente questa Juno? Quali erano i suoi talenti, al di là di ciò che era giusto fare per se stessi e per il mondo? Come poteva perseguire la propria realizzazione lavorativa, non solo per stare insieme agli altri, ma anche perché era quella che le faceva battere il cuore, che la faceva emozionare e che le donava la dolcissima illusione di cui tutti noi abbiamo un disperato bisogno, ossia che la sua vita abbia un vero senso?

Juno sapeva badare a se stessa, non mancava di autonomia: a suo modo era capace di occuparsi con efficienza di tutto ciò che serviva per sopravvivere, e all’apparenza aveva vissuto un’avventura avvincente, divertente e stimolante – e sicuramente questo, per certi versi, era assolutamente vero; però si era persa, strada facendo aveva smarrito la percezione della sua personale identità, del suo valore di individuo unico e distinto, dell’originalità e del valore del suo contributo di donna a sé stante, libera e indipendente.

Cambiare vita è rivoluzione, a volte, e non ha niente a che fare con l’idealismo.

A un certo punto bisogna cambiare vita, a prescindere dalla validità delle scelte fatte

cambiare vita archetipi dea
Ph. by Vidiskribi

Juno si è messa in discussione moltissimo, non tanto rispetto all’obiettivo che si era prefissata (che era alla sua portata e che, con la lucida capacità strategica di cui lei è capace, stava già vedendo la luce), ma nel confrontarsi con un mondo e un sistema a cui lei aveva detto no; si è permessa di scoprire una realtà scomoda, forse, e cioè che non si può fare di tutta l’erba un fascio, e che integrarsi non vuol dire necessariamente annullarsi, perché anzi quella che si stava annullando era proprio lei che aveva scelto la via più anticonformista di tutte. In qualsiasi universo si scelga di vivere, troveremo sempre tanto il buio quanto la luce; talvolta ci perderemo e talvolta ci ritroveremo; incontreremo esseri a cui ci sentiamo magicamente affini, così come mostri che vorremmo decapitare, ma tutto dipende da noi, dalla nostra predisposizione, dagli intenti, dalla quantità di pregiudizi che ci portiamo nella mente, e da quanto siamo disponibili a vivere davvero, il che non vuol dire avere una casa, un conto in banca, un contratto e due figli, ma camminare, viaggiare, scoprire, amare, meravigliarsi e condividere.

Juno si è aperta a nuove possibilità; coraggiosamente e con una grazia rara, ha immerso la punta del suo delicato piedino in un’acqua diversa dal solito, ne ha sentito la freschezza, la pulizia, la bellezza e la potenzialità, se ne è lasciata bagnare e ne è uscita rinnovata, con una maggiore consapevolezza di sé come persona, e una direzione in cui muoversi che fosse solamente sua, una perla preziosa in uno scrigno che solo lei poteva aprire, pronta a permettere l’emersione di una donna che lei ancora non conosceva, ma che dal futuro la stava già chiamando.

Ilaria Cusano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *