Ricetta del riso tonno, prezzemolo e limone: ricette veloci

riso tonno limone prezzemoloIl modo di mangiare il tonno in scatola più leggero e digeribile che ho trovato 😀
E’ una ricetta rapidissima e versatile, che si può gustare in tutte le stagioni e che dà carica ed energia senza appesantire.
Da evitare a cena e in caso di disturbi importanti a stomaco e intestino.

Una premessa fondamentale: è evidente che le mie ricette veloci non sono adatte agli integralisti. Personalmente, non trovo intelligente forzarsi a mangiare solo alimenti biologici, demonizzare le scatolette come se fossero la morte in persona, e fissarsi a voler seguire il maledetto perfezionismo anche quando si tratta di mangiare.
Mi oppongo con tutta me stessa: ok l’autocontrollo, ok anche essere informati, ma il rapporto col cibo è un’alchimia molto più sottile e profonda di quello che raccontano gli scienziati nei libri, e di certo nessuna rigidità e fissazione aiuta a stabilire una relazione migliore col nostro corpo. E’ questo l’approccio che seguo nel percorso Come fare pace col tuo corpo e guarire la tua anima, per le donne che stanno attraversando un grave problema di salute o di disagio rispetto al proprio corpo.

La mia posizione, quindi, e la linea che seguo nel condividere le mie ricette è

  • semplicità,
  • equilibrio,
  • stagionalità,
  • varietà,
  • migliore qualità possibile nei limiti dei nostri limiti (geografici, economici e organizzativi),
  • e località.

Il resto, per quanto mi riguarda, sono pericolosissime ossessioni da cui mi tengo debitamente alla larga.

Riso al tonno con prezzemolo e limone – Ingredienti (per 2 persone)

  • Una cipolla di medie dimensioni;
  • 2 scatolette di tonno;
  • 1 limone e 1/2 se di medie dimensioni, 2 limoni se piccoli;
  • 1 ciuffo di prezzemolo;
  • riso basmati per 2 persone;
  • sale e olio q.b.

Preparazione

riso tonno limone prezzemoloApri le scatolette di tonno e svuotale dall’olio/acqua in eccesso; spremi i limoni e taglia finissimamente il prezzemolo.
Fai a pezzetti piccoli anche la cipolla e ti troverai tutto immediatamente pronto!

Metti una padella antiaderente sul fuoco moderatamente alto, senza niente dentro; falla scaldare per 1′, poi aggiungi dell’olio in quantità modica e fai scaldare anche questo per 1/2′ – per capire quando ha raggiunto la temperatura giusta, immergici l’estremità di un mestolo di legno: se gli si fanno tante minuscole bollicine intorno vuol dire che è pronto, diversamente è il caso che aspetti ancora un po’.

A olio pronto, buttaci dentro la cipolla, falla appassire tirando via la padella dal fuoco (onde evitare che si bruci), e quando ha preso un colore vagamente trasparente stile medusa 😀 rimettila sul fuoco e buttaci immediatamente dentro prima il tonno e poi il succo di limone.
Abbassa il fuoco a poco più del minimo e copri il tutto con un coperchio.

Lascia cuocere per circa 20′; in questo modo il tonno raggiungerà il massimo livello di digeribilità, il che, unito al medesimo effetto del succo di limone, ti permetterà di goderti il piatto in pieno benessere, durante e dopo.
Ti accorgerai che sarà pronto quando il succo di limone di sarà asciugato al 98%.
Non mettere il sale nel condimento; è sufficiente quello che sta nell’acqua in cui cuoci il riso, perché sia il tonno sia il limone hanno un sapore forte – non occorre rinforzare ulteriormente.

Parallelamente, cucina il riso basmati, e quando è tutto pronto unisci senza ripassare, aggiungi il prezzemolo tritato ed ecco il tuo pranzetto bell’e pronto in 20′!

Le cose semplici sono le più miracolose

Ilaria Cusano

 

Ricetta della minestra di mais e pollo: ricette veloci per l’inverno

Minestra di mais e pollo

ricette velociUn piatto semplicissimo e delicato, ideale in quei momenti in cui vuoi mangiare qualcosa dai sapori neutri, che ti nutra, delizi e purifichi al tempo stesso.

Incredibile a credersi ma io l’ho scovato in India, dove di sapori neutri e cibi nutrienti e purificanti ce ne sono ben pochi 😀
… anche se, effettivamente, il Tamil Nadu fa abbastanza eccezione…

Ma torniamo a noi.

Ci impieghi pochissimo tempo per preparare questa minestra, e anche la spesa è davvero esigua; seppure decidi di prendere tutti gli ingredienti della migliore qualità, resta sempre un piatto ottimo anche da questo punto di vista.

Si gusta di più nelle stagioni fredde, ovviamente; ma secondo me tiepido, anche in primavera ed estate non è male.
E’ una minestra leggera e buona, e gli ingredienti sono giusti per tutte le stagioni.

Ingredienti per 2 persone

  • 300 gr di petto di pollo magro;
  • 1 barattolo di mais;
  • 1 carota;
  • 1 gambo di sedano;
  • 1 pomodoro;
  • 1 cipolla grande;
  • 1 patata;
  • 1 ciuffo di prezzemolo;
  • sale, olio e radice di zenzero q.b.

Preparazione

ricette velociIn una pentola, metti a fare un brodo, con la carota, il gambo di sedano, il pomodoro, la cipolla, il prezzemolo e la radice di zenzero, tutto tagliato a pezzettoni.
Non ti azzardare a usare il dado, oppure non me lo venire a dire, sennò non ti parlo più 😀 Se c’è una cosa a cui sono fermamente contraria è il dado da brodo!

Lascia cuocere per una mezz’oretta, e nel frattempo prepara il mais e taglia il petto di pollo a piccoli pezzi.

Una volta che il brodo è pronto, buttaci dentro i pezzi di petto di pollo e lascialo cuocere per altri 15 minuti; gli ultimi 5 minuti, aggiungici anche il mais.
E’ meglio mettercelo alla fine altrimenti si spappola tutto e non è più gustoso come con i chicchi della loro forma naturale 😉
Prima di spegnere, aggiungici la quantità di sale che preferisci, e poi servi la minestra con un goccio di olio extra-vergine di olive, rigorosamente a crudo.

Questa minestra mi ha letteralmente salvato l’intestino, l’ultima volta che sono stata in India! L’alimentazione che hanno lì per me (tendenzialmente colitica) è devastante; ho ingurgitato decine di litri di questa minestra e sono tornata a casa sana e salva, e con il colon ancora intero 😀

Le cose semplici sono le più miracolose

Ilaria Cusano

ricette velociPS. Questo è un periodo in cui fin troppe persone, secondo me, sono fissate in modo un po’ esagerato con l’alimentazione.
Ora va bene prendersi cura di sé, assolutamente, ma non tutta la salute dipende dall’aspetto materiale di ciò di cui ci nutriamo.
In realtà, infatti, anche il rapporto che abbiamo col cibo, così come l’assimilazione stessa dei nutrienti, ha molto a che fare coi nostri stati d’animo più profondi; con i pensieri, le emozioni e le relazioni di cui ci cibiamo.
Per questo motivo, se vuoi prenderti cura del tuo benessere in un modo intelligente e globale, ti consiglio di abbinare anche l’apprendimento della meditazione (almeno le basi) all’attenzione all’alimentazione. A me questa accoppiata risulta equilibrata e vincente da anni 🙂

 

Ricetta dei pancakes con farina di farro bio: ricette per la colazione

Ideali anche per dieta vegetariana e dieta vegana

ricette colazione
Ph. by Larisa Koshkina

Premessa: ovviamente questi pancakes si possono fare anche con la farina di grano integrale, con quella di grano saraceno o con qualsiasi altra, ma

  1. con la farina di farro bio vengono un vero sballo!
  2. Ti consiglio di usare il più possibile delle farine proteiche come quella di farro e di grano saraceno. Visto che di carboidrati ne consumiamo fin troppi, questa è la ricetta giusta in cui inserire una piccola variazione quotidiana 😉

Io li mangio tutte le mattine a colazione, quando arriva il primo freddo autunnale – e la crema di Budwig di primavera ed estate non mi attira più.
Però ci si può fare anche una deliziosa merenda pomeridiana, magari in compagnia dei bimbi – perché no?

Per la versione dieta vegana, basta evitare di metterci l’uovo e sostituire il burro con dell’olio ed è fatta. Vengono buonissimi lo stesso, io li ho provati anche così 😉
Per quella dieta vegetariana, invece, sì all’uovo e il burro può essere cambiato anche con la margarina.
Pure il latte può essere cambiato, all’occorrenza; si possono fare con tutti i tipi di latte vegetale (di riso, di avena e di farro), così come con quello vaccino, se ti piace di più.
Personalmente, infine, ti sconsiglio di cuore l’aggiunta del lievito: non serve a niente, il sapore secondo me addirittura peggiora, e in più fa anche male all’intestino – che senso ha usarlo?

Ingredienti per 2 persone

  • 110 gr. di farina di farro bio;ricette colazione
  • 120 ml. di latte di soia;
  • 2 cucchiaini di zucchero di canna;
  • 1 uovo;
  • una noce di burro;
  • un pizzico di sale;
  • marmellata o miele o cioccolato spalmabile; volendo anche granelle oppure frutta per farcire.

Preparazione

In un primo momento, unisci lo zucchero di canna, il latte di soia, l’uovo e il pizzico di sale; sbatti tutto, e solo dopo aggiungi la farina di farro – possibilmente usando il setaccio, se ne hai uno, onde evitare la formazione di grumi.
Sbatti tutto nuovamente, finché non ottieni un impasto leggermente cremoso e omogeneo.

A questo punto prendi una padella anti-aderente, meglio ancora se è un po’ convessa, e mettila sul fuoco bassissimo con la noce di burro dentro.
Falla squagliare e poi mettici dentro un mestolo piccolo di impasto per pancakes; muovi circolarmente la padella per cospargerla bene, e poi lascialo cuocere. 2/3 minuti da ogni lato e sarà fatto.
Procedi così per tutti i pancakes (dovresti riuscire a farne più o meno 6), usando estrema delicatezza nello girarli da una parte all’altra – capita che si attacchino leggermente alla padella, ma staccandoli con accortezza si riesce sia a mantenerli intatti, sia a evitare l’uso di quantità eccessive di burro.
Ti suggerisco di usare un attrezzo di legno per girare i pancakes, per ragioni sia di praticità sia di salute.

ricette colazioneUna volta che i pancakes saranno pronti, potrai decidere con cosa farcirli e come mangiarli: aperti, piegati in due o arrotolati, come ti gusta di più.
Accompagnati con del tè verde o bianco oppure con dell’infuso di radice di zenzero, limone e miele, secondo me, sono perfetti! Tra le mie farciture preferite: marmellata di mirtilli o maroni o ciliegie, o anche semplicemente miele 😉
Se vuoi dopo ti fai un bel caffè, e stai a posto per tutta la mattina!

Le cose semplici sono le più miracolose

Ilaria Cusano

PS. A volte la salute della pancia non è questione di alimentazione, però, ma piuttosto di intelligenza emotiva; se ti accorgi che nel tuo caso è così, invece di leggere le ricette ti consiglio di prendere in considerazione il mio corso online Come fare pace col tuo corpo e guarire la tua anima – è fatto apposta per le donne che stanno attraversando un grave problema di salute o di disagio rispetto al proprio corpo.

 

Ricetta del riso broccoli e salmone: ricetta veloce

Risotto veloce per l’inverno

ricette veloci In questo piatto, due sapori delicati eppure nitidi e diversi, si uniscono tra loro donando sensazioni uniche!
Quando l’abbiamo scoperta (o meglio inventata), ce ne siamo innamorati e non l’abbiamo mollata più 🙂
Bisogna avviare due fasi di cottura, ma il tempo complessivo è comunque poco: nel giro di una mezz’oretta il riso è pronto.

Il broccolo è invernale, il salmone si trova sempre, quindi siamo nella stagione perfetta per gustare questa meraviglia del palato – se ti piacciono i contrasti come a me 😉
Ricetta veloce e ricetta di stagione: quello che preferisco in assoluto!

Nota bene: di salmone, secondo me, va alla grande quello impacchettato; non occorre comprare quello fresco. Poi è ovvio: quello fresco è il top, ma i tempi di preparazione e cottura (così come la spesa complessiva) per forza di cose cambiano radicalmente.

Riso broccoli e salmone: ingredienti per 2 persone

  • 1 broccolo siciliano piccolo (è un delirio distinguere i nomi, per me; comunque è quello verde scuro, il più scuro tra iricette veloci tre – ti ci metto la foto così non mi posso sbagliare);
  • 150 gr di salmone;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 1 pezzetto di radice di zenzero fresca;
  • 1 bicchiere scarso di riso integrale;
  • pepe nero;
  • prezzemolo fresco;
  • olio q.b.

Preparazione del risotto

Taglia il salmone a pezzi piccoli; fai lo stesso per il broccolo. Poi metti solo quest’ultimo a cuocere al vapore; evita di portarlo fino a fine cottura, lascialo leggermente croccante.

Prendi un tegame e mettilo sul fuoco moderatamente alto, senza niente dentro; fallo scaldare per 1 minuto, poi aggiungi dell’olio in quantità modica e fa’ scaldare anche questo per 1/2 minuti – per capire quando ha raggiunto la temperatura giusta, immergici l’estremità di un mestolo di legno: se gli si fanno tante minuscole bollicine intorno vuol dire che è pronto, diversamente è il caso che aspetti ancora un po’.
I trucchetti geniali delle nonne che dobbiamo continuare a tramandare sempre 😉
A olio pronto, buttaci dentro prima il riso crudo, lo zenzero e l’aglio, continuando a girare per farlo tostare leggermente senza arrivare nemmeno a dorarsi.
Poi aggiungici anche i pezzi di broccolo e 2 bicchieri pieni di acqua calda.
Abbassa il fuoco quasi al minimo, copri con un coperchio e lascia cuocere secondo i tempi di cottura del riso.
Quando mancano 3/4 minuti alla fine della cottura, aggiungici anche il salmone spezzettato, copri di nuovo e lascia che il risotto finisca di cucinarsi.
Il salmone, in questo modo, evita di salare troppo il piatto, rilasciando il suo sapore forte nella giusta misura.

ricette veloci Prima di servirlo, mettici sopra una spruzzata leggera di pepe nero e del prezzemolo fresco tagliato fino.
Il sale non serve perché il salmone è sufficientemente salato – aggiungendo anche il sale, rischia di essere eccessivo.

Le cose semplici sono le più miracolose

Ilaria Cusano

PS. Mi sono messa a scrivere le ricette dopo una serie di articoli sulla sessualità 😀 Mi faceva sorridere come passo dal parlare di svegliare l’energia sessuale femminile al descrivere risotti per l’inverno; ma d’altronde essere Donna al 100% consiste proprio in questo, non trovi? Non è meraviglioso avere dentro cotanta ricchezza di mondi e sfumature? Secondo me sì 😀 Fammi sapere come va, se provi a cucinare questo risotto; scrivimi nei commenti qui sotto e raccontami se ti è piaciuto!

 

Ricetta della pasta radicchio rosso e salsiccia: ricette veloci per l’inverno

Pasta integrale bio radicchio rosso e salsiccia

ricette velociSai che vado pazza per le ricette veloci; sono una donna in carriera e non ho tempo da perdere a cucinare mezza giornata – a meno che non muoia dalla voglia di farlo, ovvio 😉
Nota bene subito: se sei un vegano e vuoi scrivermi per polemizzare, ti prego con tutto il mio sacro cuore di risparmiare anche il tuo di tempo – grazie! Siamo tutti liberi di praticare la dieta che preferiamo.

Questo è un piatto dal sapore forte e deciso per l’inverno, ma se riesci a calibrare bene ingredienti e modalità di cottura, unisce queste qualità a un retrogusto fresco e a un’alta digeribilità.
Già, perché anche se devi preferire senz’altro le salsicce di suino, te ne basta una sola a persona per fare un piatto ricco e soddisfacente!

Come sempre, si tratta di una ricetta assolutamente sostenibile, sia economicamente sia a livello di tempo: pure se vuoi comprare tutti gli ingredienti biologici o comunque di ottima qualità, sono sufficienti pochi euro a persona.
E anche se ti dedichi pienamente alla preparazione, in poco più di mezz’ora sarà tutto pronto.

Stimolazione energetica: 1o chakra
Da evitare: in estate – se non vuoi avere uno sfogo di calore immediato 😉

Ingredienti per 2 persone

  • Una pianta di radicchio rosso di piccole dimensioni;
  • 2 salsicce di suino magre;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 1 pezzetto di radice di zenzero fresca;
  • 1 carota;
  • 1/2 gambo di sedano;
  • semi di finocchio;
  • peperoncino;
  • semi di cumino;
  • pasta integrale bio per 2 persone;
  • sale e olio q.b.

Preparazione

ricette veloci
Ph. by Pierre

Taglia finemente il radicchio rosso, la carota e il sedano, sbuccia l’aglio e lo zenzero e priva le salsicce della pelle che le avvolge; poi, falle a pezzettini con le mani – ricetta veloce e anche esercizio per massaggiare il cervello mentre la cucini: sai che roba spezzettare la salsiccia con le mani? 😉

Metti una padella antiaderente sul fuoco moderatamente alto, senza niente dentro; falla scaldare per 1′, poi aggiungi dell’olio in quantità modica e fa’ scaldare anche questo per 1/2′.
Per capire quando ha raggiunto la temperatura giusta, immergici l’estremità di un mestolo di legno: se gli si fanno tante minuscole bollicine intorno vuol dire che è pronto, diversamente è il caso che aspetti ancora un po’.
A olio pronto, buttaci dentro l’aglio e lo zenzero, falli dorare tirando via la padella dal fuoco onde evitare che si brucino; poi toglilo.

Rimetti la padella sul fuoco e buttaci immediatamente dentro prima carota e sedano (gira, gira e gira, fuoco moderatamente alto), e subito dopo il radicchio.
Continua a girare.
Aggiungi un dito di bicchiere di acqua calda e abbassa il fuoco quasi al minimo; dopo di che, metti all’interno anche tutte le spezie e il sale.
Copri con un coperchio e lascia cuocere per circa 20′, controllando ogni tanto che non si sia asciugato troppo – in tal caso, aggiungi un altro goccio d’acqua calda.

Parallelamente, cuoci la pasta, e quando è tutto pronto mischialo senza ripassarlo e gustatevi il piatto caldo.

Le cose semplici sono le più miracolose

Ilaria Cusano

PS. Se sai benissimo che l’alimentazricette veloci ione è fondamentale, ma non sai come crearti delle abitudini sane che ti supportino, considera la possibilità di seguire uno di questi due percorsi: quello sulla bellezza e/o quello sul rapporto col corpo. Tutto ciò non è un lusso secondario; sono i pilastri su cui poggiano il benessere, il successo e la felicità ?

 

Ricetta della Crema di Budwig: colazione speciale

ricette colazione crema budwigHo scoperto la crema di Budwig mentre ero alla ricerca di ricette nuove per la colazione.
Già, perché la colazione è uno di quei punti nodali in cui sembra che non succeda niente di che, mentre invece è tutto un casino: il latte col caffè sono di un deleterio che più deleterio non si può; il caffè da solo non ne parliamo neppure; biscotti, brioche e merendine varie andrebbero aboliti dal pianeta Terra; e così uno si adatta a tè e vediamo come ce la possiamo cavare ma… quanto può durare?

A un certo punto mi sono detta “Qua mi devo impegnare a trovare delle colazioni adeguate” e, oplà, è spuntata fuori la crema di Budwig!

Innanzitutto, sveliamo subito l’arcano: che cavolo vuol dire Budwig? 😀
E’ semplicemente il nome della persona che ha creato la ricetta, inventando così una delle mie colazioni preferite!
Tra l’altro, per la colazione è l’ideale ma in realtà è ottima anche per la merenda o per la cena; è da evitare, secondo me, solo dopo le 20 – può risultare pesante da digerire, a tarda sera.

Personalmente, la adoro nelle mezze stagioni e in estate, mentre in inverno preferisco alternare con porridge o pancakes, visto che è un piatto freddo che non mi attira un granché, quando anche fuori fa freddo.

Ingredienti e preparazione

ricette colazione crema budwig(per 2 persone)

  • 2 vasetti di yogurt
  • 4 cucchiaini e 1/2 di semi di sesamo
  • 4 cucchiaini e 1/2 di semi di girasole
  • 4 cucchiaini e 1/2 di semi di lino
  • 4 cucchiaini e 1/2 di miglio
  • 4 cucchiaini di miele
  • 2 banane
  • 5/6 nocciole o mandorle

Trita finemente tutti i semi, insieme alle nocciole o alle mandorle.
Metti la polvere ottenuta nel frullatore, con lo yogurt, le banane fatte a pezzi e il miele.
Frulla il tutto insieme, ed è già pronto da gustare!

Ricette per sportivi

In questo caso non possiamo parlare di ricette veloci perché, in confronto a un cappuccino o a un tè coi biscotti, non c’è paragone: per preparare questi ultimi ci vogliono solo pochi minuti, mentre per la crema di Budwig, tra il tempo che bisogna impiegare per farla e quello che poi ci vuole per mangiarla, almeno 30 minuti bisogna prevederli di sicuro.

ricette colazione crema budwigSi può parlare, invece, di ricette per sportivi.
La crema di Budwig infatti è estremamente energetica; chi è abituato a fare degli allenamenti giornalieri di qualsiasi sport la apprezzerà moltissimo, a meno che non debba ingerire solo cibi proteici o qualcosa del genere – in quel caso non è una colazione che fa al caso suo.

In generale, chi ci tiene a mantenersi bella oltre che in salute, o chi ha dei particolari disagi rispetto al corpo e sente la necessità di coltivare con esso un rapporto quanto più benefico possibile, troverà nella crema di Budwig una grandissima quanto deliziosa alleata 🙂

Le cose semplici sono le più miracolose

Ilaria Cusano

Ricetta del salmone in un letto di insalata con pomodorini al profumo di zenzero

ricette veloci La ricetta veloce di oggi è opera della cara amica Silvia Longo.
Difficilmente mi affido a qualcuno per l’alimentazione – ho studiato e imparato molto, negli ultimi 10/15 anni, ho capito fino in fondo che non ci sono tante regole generali ma bisogna conoscere la persona in questione (anzitutto noi stesse, quindi) e individuare il giusto fabbisogno ed equilibrio anche sentendolo, oltre che sapendolo.

E poi, la maggior parte delle persone che conosco cucina e mangia in un modo che a me, per esempio, risulterebbe troppo elaborato, in termini di

  1. nutrimento: ho bisogno di cose semplici, più grezze e basiche possibile;
  2. preparazione: preferisco impiegare poco tempo per cucinare, perché non amo particolarmente farlo, e soprattutto ho mille cose più importanti a cui dedicarmi;
  3. e di qualità: voglio mangiare cibi di stagione, di buona qualità ma non necessariamente cibi biologici (spesso sono costosissimi!) e possibilmente a km 0.

Per queste due ragioni, visto il mio sentirmi così ferma su diversi punti, in linea di massima osservo, ascolto, provo, ma mai mi sarei aspettata di far scrivere alcune delle ricette nel mio blog a qualcun altro!
Però una sera sono andata a cena da Silvia, e… ho cambiato idea 😀

Silvia mi ha sinceramente stupita perché in lei (cosa che mi capita rarissimamente) ho ritrovato tutti gli elementi che anch’io ho scelto e porto avanti, e addirittura uno in più: l’estrema attenzione al dosaggio dei condimenti – che trovo intelligente e opportuno, per la salute ma non solo.
Così mi sono detta Lei può dare un ottimo contributo alla rubrica di ricette! Gliel’ho proposto, lei ha accettato, e così eccoci qua con la prima ricetta veloce by Silvia Longo 🙂

Salmone in un letto di insalata con pomodorini al profumo di zenzero

Un cibo leggero e semplice, ricco ricette veloci di ogni sua proprietà nutriente, ideale per chi è alla ricerca di un piatto caldo e fresco allo stesso tempo, economico e veloce da preparare dando energia al nostro corpo.

Questo piatto preserva ogni proprietà nutriente degli ingredienti, grazie alla cottura al vapore.
I prodotti rispettano il loro ciclo in tutto l’arco dell’anno, tranne per l’aggiunta dei pomodorini, che sono preferibilmente consumabili nella stagione da giugno a settembre, per rispettare la loro natura.

 

Ingredienti (per 2 persone)

– 400 grammi di salmone, possibilmente due filetti;
– 4 foglie di insalata brasiliana/gentile;
– 14 pomodorini;
– sale, polvere di zenzero, timo q.b.

Preparazione

In una pentola, metti dell’acqua a scaldare, inserendo il cestello per la cottura al vapore.
Poni l’insalata lavata e spezzettata sul cestello, e sopra adagiaci i due filetti di salmone; copri e lascia cuocere per 10′.
Nel frattempo, lava e taglia a pezzetti i pomodorini, mettendoli in una ciotola e spargendoli a piacere con un po’ di polvere di zenzero; mescolali per inserirli negli ultimi 5′ di cottura.
Cospargi di sale e timo a piacere, ed estrai con una spatola dal cestello l’insalata con sopra il salmone e i pomodorini, in modo di mantenere questo ordine per servirli nel piatto.

Da gustare con armonia, ascoltando ogni sensazione rilasciata dai cibi nel palato e nell’organismo.

Primavera ed estate, dentro e fuori

Favolosa, no? 😀
Dopo la ricetta di Silvia, sono tornata io – Ilaria.

Questo piatto è meraviglioso, per il periodo che stiamo attraversando adesso e per quello che verrà: da primavera inoltrata si può iniziare a gustarlo anche una volta alla settimana, volendo!

Da gustare con armonia, ascoltando ogni sensazione rilasciata…

ricette veloci … come ci suggerisce la cara amica Silvia Longo – sono d’accordo: quando riusciamo a stabilire questo rapporto intimo e personale con il cibo, quando riusciamo a sceglierlo e prepararlo in quel modo veramente giusto e nutriente per noi, allora è come vivere una bellissima relazione, che ci porta a contatto con ciò che è dentro e fuori di noi, contemporaneamente 🙂

Grazie infinite a Silvia per queste sue perle, e alla prossima con una nuova ricetta!

Le cose semplici sono le più miracolose

Ilaria Cusano

PS. Se ti rendi perfettamente conto dell’importanza dello stile di vita e di alimentazione, ma non riesci a elaborarne e seguirne di sani nella tua routine, prendi in considerazione l’eventualità di fare uno di questi due miei percorsi: quello sulla bellezza e/o quello sul rapporto col corpo. Queste abitudini sono la base su cui poggia ogni realizzazione, benessere e felicità 🙂

 

Ricetta dei 3 elisir di lunga vita: ricette veloci

Le 3 ricette veloci che più ti servono per mantenerti vitale, sana e bella

Le ricette veloci più indispensabili sono solo tre; non hanno niente a che fare con la cucina vegetariana, il diventare vegani o la macrobiotica, ma di certo vengono da Madre Natura, sola grande dispensatrice di tutto ciò che ci serve per sopravvivere e stare bene.
Anche a me sembrava strano che si trattasse solo di queste tre; mille studi, libri e prove di alimentazione, sei anni di vegetarianesimo di cui uno addirittura di veganesimo, e alla fine tutto ciò che c’era da sapere erano queste tre cose? Già, la vita fa spesso di questi scherzetti ☺
Tre sono le cause di tutti i problemi, squilibri e disturbi, che sono sempre contemporaneamente fisici, psichici, spirituali e sociali, e tre sono le soluzioni: è proprio così facile, semplice ed essenziale, come le perle più pure e autentiche – nella dieta come nella vita.

Corteccia di salice per tenere la fiamma accesa

ricette veloci ilaria cusanoLa stragrande maggioranza dei problemi viene dal freddo: a volte si manifesta come freddo vero e proprio (rigidità, chiusura, contrazione), altre volte sembra caldo mentre alla radice è sempre freddo (il nostro sistema reagisce a un eccesso di freddo aumentando la produzione di calore, per compensare: es. raffreddore, influenza, febbre).
In tutti i casi, ciò che devi fare è soffiare dolcemente ma profondamente sulla tua fiamma interiore, per ravvivarla e mantenerla accesa affinché ti scaldi da dentro, dal tuo centro più intimo.

Allora vai in un’erboristeria ben fornita, una di quelle che vendono anche le erbe sfuse, e chiedi qualche etto di corteccia di salice – è col suo principio attivo che vengono prodotte le aspirine.
Poi torni a casa,

  • riempi un pentolino di media grandezza di acqua,
  • ci metti 3 cucchiaini di corteccia di salice e porti il tutto a ebollizione;
  • lo fai bollire per 15′,
  • ci togli la corteccia da dentro e te lo bevi caldo.
  • Se vuoi, puoi dolcificarlo con dello zucchero di canna o con del miele (il miele ci sta benissimo!), ma anche puro ha un sapore neutro e delicato.
  • Puoi conservarlo per 1/2 giorni per berne una tazza ogni tanto; per i momenti di raffreddamento intenso, io ne bevo regolarmente 3 tazze al giorno, dopo di che scalo a 2 e vado avanti qualche altro giorno.
    Nel giro di una settimana, di solito, sto una favola!

Tè verde per placare gli animi

ricette veloci ilaria cusanoPoi ci sono le infiammazioni vere e proprie – eccessi di calore: afte, bruciori di stomaco, foruncoli, brufoli, irritazioni e così via. Allora è il momento del tè verde.
Comprane uno buono, non in bustine ma quello in foglie. Non occorre che spendi 10 euro per un etto di tè verde; ne trovi di ottimi anche per molto meno, il té verde è uno dei più economici in assoluto.

Io vado pazza per il té verde! Quelli buoni sono fantastici senza zucchero né miele; hanno un sapore ottimo, che sta benissimo sia col dolce sia col salato – te lo consiglio di cuore anche per pasteggiare, si abbina meravigliosamente con tutto: carboidrati, carne, pesce, verdure, cibi tradizionali, etnici, cucina vegetariana, cucina vegana, cucina macrobiotica e passaggio di alieni! Scherzo 😀

Occhio alla preparazione, però! Il tè verde è delicato; andrebbe messo nell’acqua dopo averla fatta stiepidire un po’, a seguito dell’ebollizione, perché le foglie facilmente si bruciano, perdendo molti dei nutrienti.
D’altronde, farla bollire è importante e non sempre, quando ci siamo riuscite a ritagliare il tempo per farci la nostra bella tazza di té, riusciamo anche ad aspettare che l’acqua si raffreddi un minimo. Allora l’importante è questo: che lo lasciamo in infusione per 2 massimo 3′, non di più, e che lo copriamo nel corso dell’infusione. Io faccio sempre così e funziona bene, sia per evitare di bruciare le foglie, sia per mantenere le proprietà rinfrescanti.

Zenzero per rigenerare

ricette veloci ilaria cusanoMitico, grandioso, divino oserei dire! Lo zenzero è immancabile, fa bene a tutto, sta bene con tutto, costa pochissimo e si trova quasi in tutti i supermercati; prendi l’abitudine di usarlo a profusione e la tua vita migliorerà in misura impressionante!
Usa la radice, però, non quella polverina che non sa di niente e le cui proprietà non si avvicinano neppure a quelle della radice.

Ci puoi fare dei deliziosi decotti (sempre 15′ nell’acqua in ebollizione) con limone e zucchero di canna; lo puoi aggiungere nelle verdure saltate, nei brodi, nelle zuppe, nel pesce e nei risotti. Comincia a metterlo un po’ qua e un po’ là e vedrai: te ne innamorerai e ne trarrai enorme giovamento in termini di vitalità, benessere e pulizia!

Le cose semplici sono le più miracolose

Ilaria Cusano

PS. Se sai benissimo che l’alimentazione è fondamentale, ma non sai come crearti delle abitudini sane che ti supportino, considera la possibilità di seguire uno di questi due percorsi: quello sulla bellezza e/o quello sul rapporto col corpo. Tutto ciò non è un lusso secondario; sono i pilastri su cui poggiano il benessere, il successo e la felicità 🙂

 

Ricetta dell’acqua bollita: ricette veloci, anzi velocissime!

Tra le ricette veloci, questa è il top!

ricetteLa scoperta dell’acqua calda! Ti sembra uno scherzo? E invece è proprio così che noi alchimisti ci siamo tramandati l’eterna saggezza: nelle cose più semplici, e nei secoli dei secoli – amen ☺

Le cose semplici sono le più miracolose ♥
Così ti saluterò, alla fine di ogni ricetta che ho intenzione di condividere con te, da oggi a primavera 🙂
Alcune, vedrai, saranno vere e proprie ricette di cucina; solo cose inventate o rivisitate da me e mio marito – niente scopiazzamenti e bizzarrie, solo consigli per una cucina semplice, salubre ed essenziale, ma allo stesso tempo gustosa, variegata e multietnica.
Noi abbiamo avuto questa fortuna, nell’incontrarci, ed è anche per questo che ci siamo scelti per la vita: Sandro è un esperto di medicina tradizionale cinese, grazie all’educazione che ha ricevuto da sua madre è estremamente equilibrato nel suo rapporto col cibo, e infatti gode di ottima salute, ha un fisico tonico e asciutto e quando ha qualche problema sa sempre come curarsi, con ottimi risultati.
Io, dall’altra parte, sono lussuriosa e fantasiosa, mi piace godere coi colori, i profumi, il sapore e la varietà, ho ricevuto una pessima educazione alimentare, il che però mi ha spinta a studiare molto e a sperimentare ancora di più, imparando sulla mia pelle come si fa a guarire e a mantenersi sani.
Insieme, creiamo una vera e propria arte in cucina, impiegando poco tempo, spendendo ancor meno e concedendoci tranquillamente ristoranti, kebab, vino e Coca Cola ogni tanto.

Tra tutte le ricette, il nostro segreto più prezioso è l’acqua bollita

Esattamente: non proprio calda, come dice il nostro proverbio, ma bollita e bevuta calda – questo sì.

ricetteDevi capire questo: dentro alla nostra pancia c’è una temperatura di circa 37°. Il che vuol dire che qualsiasi sostanza, solida o liquida, che noi ingeriamo prendendola dal frigo o a temperatura ambiente, beh, per il nostro intestino è un piccolo trauma. Lui ce la fa a gestirlo, se sta in salute, ma con dieci piccoli traumi al giorno ogni santo giorno, è ovvio che perderà presto il suo stato di grazia – giusto?
Allora tu fai questo: ti compri un bel termos di quelli grandicelli, dove c’entri almeno un litro d’acqua, due o tre volte al giorno fai bollire l’acqua in un pentolino medio ben pieno, e ti bevi più che puoi questa acqua qui durante la giornata.

E’ tutto un fatto di organizzazione. Naturalmente non ce la farai sempre e dovunque, a volte dovrai arrangiarti, altre volte sarai ospite da qualcuno e dovrai privartene. Ma vedrai che a forza di berla la apprezzerai: è molto più buona di quel che si tende a credere, e dà una coccola così piacevole alla pancia che se ne sentono immediatamente i benefici!
L’acqua bollita ti manterrà perennemente nello stato di miglior salute possibile per te, prevenendo un gran numero di disturbi e problemi, e facilitando e supportando tutti i processi di guarigione, anche i più lunghi e complessi.

Ricette e saperi antichi

Anche nei Veda, Brahma dona all’uomo proprio l’acqua bollita come prima e unica medicina: pensa che radici antiche 😀 E pensa quanto ignoranti siamo noi a credere che l’unica soluzione sia la chimica o diventare vegani!
Non è mia intenzione parlare male di queste opzioni: sono certa che a volte, per certe persone, siano le migliori in assoluto – io stessa ho usato la chimica più volte e per un anno intero ho preferito mangiare vegano. Solo, ho scoperto che nella quotidianità e in una condizione di relativo benessere, le strategie per mantenersi vitali, sani e in forma sono molto più essenziali e semplici di quel che si pensa.
L’acqua bollita fa bene sempre, anche in estate quando fa caldo perché fa espellere l’eccesso di calore del corpo, scongiurando tanti disturbi.

ricetteIn più, diversamente da tante persone ben più esperte e preparate di me in fatto di alimentazione, medicina e salute, io ho una carta che gioca a mio favore: testo tutto sulla mia pelle, e ognuna delle ricette che condividerò passerà a te solo dopo averne fatto i dovuti test sulla mia pelle e ripetutamente.
Il fatto che funzioni per me non vuol dire necessariamente che funzionerà allo stesso grado e modo anche per te (siamo persone diverse!), ma per lo meno se mi segui da qualche tempo sai che di me ti puoi fidare – il che, diciamocelo, non è affatto poco.

Iniziamo oggi ad avere maggiore rispetto per noi stesse e dignità, prendendoci cura della nostra salute e del benessere 🙂 Maggio è il mese del corpo e dei piaceri, la luna piena che ci dona potente energia è in arrivo; perché mai dovremmo rimandare?

Le cose semplici sono le più miracolose ♥

Ilaria Cusano

PS. Se vuoi migliorare il tuo stile di vita e di alimentazione, ma da sola non riesci o ti stai snervando, facciamolo insieme! Ho creato ben 2 percorsi su questo: uno sulla bellezza e uno sul rapporto col corpo. Con una coach che ti supporta, è tutto molto più facile, e pure divertente 😉