Come diventare Life Coach certificati, Coronavirus e vocazione

Emergenza Coronavirus, vocazione e diventare Life Coach Spirituali

Come diventare Life Coach certificati

In questi giorni in cui imperversa l’emergenza Coronavirus, nella mia community sto osservando un fenomeno bello, che merita di essere condiviso. Vedo che quelle persone che mi gravitano intorno e che già sapevano di avere una vocazione affine alla mia, stanno sentendo l’urgenza di dedicarvisi. Se prima la vivevano più come un interesse, una passione, una bella cosa da coltivare, ora percepiscono la necessità di darle maggiore priorità. Una necessità propria, intima e soggettiva, e una necessità sociale, che riguarda l’utilità che il Life Coaching Spirituale ha e può avere sempre di più per il benessere della collettività.

Eh già, perché in molti tendono a credere che, per la sopravvivenza, il cibo e la casa contino di più della spiritualità e dell’amore. Mentre tutti, in profondità, sappiamo che è vero l’esatto contrario: con poco cibo e stando in giro possiamo sopravvivere un bel po’ di più di quanto riusciamo a sopravvivere non credendo in niente e non avendo nessuno da amare e da cui essere amati.

L’emergenza Coronavirus, quindi, sta aiutando molti a mettere a fuoco le priorità, l’essenziale per il benessere, il modo concreto per aiutare la comunità. Per qualcuno questo modo consiste nel curare i malati, per qualcun altro nel prendersi cura delle anime. I trasportatori fanno sì che, quando andiamo nei supermercati, ci troviamo i prodotti di cui necessitiamo; noi Life Coach Spirituali facciamo in modo che lo spirito rimanga alto, che si svegli anche quello altrui e che si resti tutti uniti.

L’unione spirituale, al momento, è tanto preziosa quanto il rispetto dei decreti. Anzi, siamo tanto più allineati nel rispettare le autorità e le regole nella misura in cui ci sentiamo uniti spiritualmente. Chi si sente separato se ne frega, fa come gli pare, non si percepisce come parte di un tutto più grande.

Life Coach certificati? La vocazione viene prima

E’ da quasi 15 anni, ormai, che faccio questo lavoro. Nel tempo mi è capitato di incontrare la gente più varia che voleva intraprendere questa carriera. E per le ragioni più disparate. Molti sono spinti dalla vanità: vogliono diventare famosi, riscuotere consensi, essere riconosciuti. Tanti altri hanno una motivazione economica: fanno un lavoro in cui non riescono a guadagnare di più e credono che con il coaching possono farcela. Altri ancora, infine, hanno una vocazione pura, autentica, genuina. Ecco, questo fattore viene decisamente prima di tutto, a livello di importanza. E per un motivo concreto: perché, quando hai una vocazione vera, hai l’energia che serve per durare.

Per affrontare le difficoltà che si presenteranno strada facendo, superarle e vederle come delle opportunità di miglioramento, addirittura. Per resistere con tenacia, adottare comportamenti resilienti e persistere negli anni. In sostanza, per farcela i primi tempi e per avere successo poi. Perché siamo onesti: di tutti quelli che hanno fatto queste lunghissime scuole annuali o triennali che ti ciucciano un mare di soldi, e che così si sono “conquistati” una famigerata certificazione di coaching, quanti sono veramente riusciti a lavorare come Life Coach? Pochissimi.
Alcuni hanno iniziato e hanno mollato dopo poco, altri non hanno nemmeno cominciato. Perché? Perché non hanno la vocazione. E così la certificazione possono darsela sui denti.

Come diventare Life Coach certificati per davvero

Fatta questa premessa deontologica fondamentale, secondo me, anche per evitare di sprecare tempo, denaro e speranze, possiamo passare al pratico. Perché, come dicevo all’inizio, delle persone con una vocazione vera ci sono eccome! Una volta che hai individuato di averla, quindi, ecco i passi da fare, in quest’ordine, per diventare Life Coach certificati – nel nostro caso Life Coach Spirituali, per l’esattezza.

Come diventare Life Coach certificati

  1. Coltiva seriamente la tua vocazione con corsi, percorsi e una strategia per cominciare a mettere i tuoi talenti al servizio della collettività.
  2. Fatti dei piani mensili e portali avanti nel tempo. Possono essere dei piani editoriali di pubblicazioni nei social, per esempio: 3 mesi ti concentri su certi temi, altri 3 mesi su altri, e via così.
  3. Individua la formazione professionalizzante più adatta a te e organizzati per farla.
  4. Inizia a lavorare come Life Coach quanto prima.
  5. E continua sempre, sempre, sempre a elaborare modi per mettere tutto ciò che scopri, impari e sviluppi al servizio dell’umanità.

Lavorare come Life Coach (Spirituali) è un servizio per l’umanità

In questo modo anzitutto ti tempri come persona: ti assicuri di rafforzare lo spirito giusto, che è lo spirito di servizio, per l’appunto, e gli dai modo di consolidarsi, di mettere radici profonde nel tuo carattere.

Poi ti eserciti a lavorare nel coaching in maniera professionale, seria, organizzata: non sei più la pinco pallina qualsiasi che pubblica le minchiate di frasi motivazionali, sei la professionista che sta sviluppando un progetto valido. Inizi a collegarti davvero alla tua comunità, e la smetti di parlare a vanvera solo per sfogare le tue emozioni – cosa che non interessa, né tanto meno serve, nessuno. E poi, solo dopo aver fatto questa essenziale parte di lavoro sulla tua personalità e comunicazione, ti iscrivi a una scuola professionale – in questo articolo trovi il link alla nostra.

Cominci a sviluppare la tua vocazione a un altro livello e maturi, passando dal talento alla professionalità. In poco tempo, per come la vedo io. Perché ti ripeto: quando qualcuno tenta di incastrarti in una formazione professionalizzante che dura 3 anni, e successivamente magari anche in un tirocinio non retribuito di un altro anno, in linea di massima sta tentando di rubarti più soldi e lavoro possibili facendo leva sul tuo senso di inadeguatezza. A proposito di servizio alla collettività, quindi, occhi aperti, ché anche nel life coaching si può diventare delle persone che non valgono una cicca 😉

Ilaria Cusano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *