Eccitamento femminile: scoprire le proprie zone erogene

La verità sulle zone erogene e l’eccitamento femminile

Zone erogene, punto g, squirting. Tanto parlare di parti del corpo, tecniche e strategie ma, guarda un po’, gli stessi che insistono su questi temi sono proprio quelli sessualmente più insoddisfatti. Come mai? Perché perdono il punto. Mancano il bersaglio, si distraggono con cose futili e trascurano i fattori che, invece, sono veramente i più importanti in assoluto per il piacere delle donne.

Tu che leggi potresti essere una donna che vuole conoscere meglio la propria sfera intima. Oppure un uomo che desidera saperne di più sull’eccitamento femminile.
In entrambi i casi, devo farti una premessa fondamentale: forse scoprirai che le cose funzionano in maniera molto diversa da quel che credi.

eccitamento femminile
Ph. by Ingrid Firmhofer

Sai perché? Perché molti concetti che circolano, sulla sessualità femminile, partono da una mentalità maschile.

  • Siccome l’uomo, quando gode, eiacula, l’unico modo per esser sicuri che una donna sta godendo è vederla squirtare.
  • Visto che il desiderio degli uomini passa molto attraverso delle manovre meccaniche, allora anche per le donne dev’essere così.
  • Se l’uomo prova tanto piacere quando gli vengono stimolati genitali, prostata e vista, allora pure per la donna bisognerà individuare delle zone erogene.

Tutte queste tre affermazioni sono assolutamente scorrette. Fanno credere cose che non esistono. Mettono in circolo idee sbagliate.
Per il semplice fatto che noi donne funzioniamo in modo molto diverso dagli uomini.
Andiamo a scoprire come funzioniamo, quindi. Concentriamoci sui due aspetti più incisivi, per l’eccitazione femminile.

Per eccitarsi, una donna deve essere libera di fantasticare, immaginare e sognare

Quando una donna può spaziare con la fantasia e l’immaginazione, può volare e sognare, qualsiasi zona del suo corpo può diventare erogena. Magicamente? No. E’ questo il modo in cui funzioniamo, punto. Quando ci viene dato lo spazio per lasciarci andare, per esprimerci spassionatamente, per far esplodere la nostra energia, dentro di noi scatta qualcosa. Diventiamo estremamente sensibili e ricettive, audaci e creative; ci divertiamo a esplorare nuovi territori per il puro gusto di giocare.

All’opposto, quando dall’altra parte troviamo qualcuno che tenta di reprimerci, tapparci la bocca, tarparci le ali. O farci fare la recita della pornostar che lui vorrebbe lì con sé, in quel momento, al posto nostro. Ma che tristezza! Certo che ci deprimiamo! Ci troviamo a fare sesso con qualcuno che desidera un’altra persona, lì con lui. Una prostituta, un’attrice, una più giovane o sua madre! E’ super deprimente!

La cosa migliore in assoluto, quando ci si trova a fare l’amore con una donna, è avere la curiosità di scoprire chi è questa donna nell’intimo. E darle lo spazio per mostrarlo. In questo modo lei, con estrema naturalezza e spontaneità, farà tutta una serie di cose che

  1. non hanno niente da invidiare a prostitute, pornostar, giovani e madri.
  2. E proverà talmente tanto piacere, in tante zone e in tanti modi, che il “voltaggio” aumenterà per tutti 😉

Nota bene: sembra facile ma non lo è. Perché lasciare libera una persona di esprimere tutto ciò che vuole può metterci di fronte a diverse cose che non vorremmo vedere, che disapproviamo, che non ci aspettavamo o che giudichiamo negativamente. Il mio consiglio è questo: esercitati ad accogliere tutto, abbi fiducia nel processo. Vedrai che anche ciò che non ti piace, nel complesso, servirà. E farà vivere l’esperienza del massimo piacere possibile a entrambi.

La zona erogene più potente di tutte, per una donna, è il cuore: viva i sentimenti

Che ti piaccia o no, è così. Più una donna è libera di provare prima delle emozioni e poi dei sentimenti, e più gode anche sessualmente. Permetterle di aprire il proprio cuore e di fare delle esperienze piacevoli su questo livello, la farà aprire anche fisicamente ed eroticamente. Aumenterà il suo desiderio di unirsi a te, di farti entrare dentro di lei con ogni parte del tuo corpo. Vorrà sentirti ancora di più perché, di base, quello che le fai sentire le piace, la fa stare bene.

eccitamento femminile
Ph. by ©2017 Mark Tegethoff

Blocca il flusso delle sue emozioni e dei sentimenti, invece, e perderai anche il suo piacere. Non ti dico neanche “Provare per credere” perché so che, probabilmente, lo hai già provato parecchie volte. Ti basta ricordarlo.
Non aver paura di emozioni e sentimenti. Fatti trascinare dalla lei in questi luoghi dell’anima. Sono porte d’accesso a meravigliosi paradisi anche per te. A partire dal sesso e oltre.

Non tentare di trasformare la donna in un oggetto da usare, in una professionista che ti offre un servizio, in qualcosa di arido e distante che tu sfrutti per i tuoi bisogni e desideri. Perché in questo modo perderai il vero godimento anche tu.
Abbi coraggio, invece, e fatti portare in qualche nuovo posto misterioso che ancora non conosci. Vedrai: è tutta un’altra storia 🙂

Ilaria Cusano

PS. Se vuoi conoscere meglio la sessualità in questa ottica, chiedimi una sessione individuale a ilaria.cusano@gmail.com. Se invece vorresti tanto fare il mio stesso lavoro, eccoti la formazione professionale per diventare Sex Coach per donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *