Growth Haching: cos’è e come applicarlo

Growth Hacking: definizione

Il Growth Hacking è un processo di rapida sperimentazione attraverso una serie di canali di marketing per individuare i modi più efficaci per far crescere un business
(Wikipedia)

growth hacking

Il Growth Hacking si differenzia da un classico piano di marketing per 

  • la sua agilitá: è snello, prevede tante piccole attivitá test e tutto è applicabile subito e facilmente;
  • perchè è piú economico: mentre un piano marketing richiede molte migliaia di euro di investimento sin da subito ed è comunque sempre un test, il Growth Haching, come risorse, necessita fondamentalmente di tempo e competenze di vendita;
  • e per il focus sulla finalizzazione: lo scopo di ogni imprenditore, qualsiasi attivitá gestisca, che lo faccia da freelance o da titolare d’impresa, è generare fatturato e utili tramite la conversione – nessuno punta a una visibilitá fine a se stessa, tutti lavoriamo per passare da visibilitá a vendita.

Nelle mie due attivitá, quella di Coaching e quella di Network Marketing (gestisco un programma di fedeltá), me ne accorgo ogni giorno: il Growth Hacking responsabilizza i professionisti e dona maggiore trasparenza ai clienti.

Growth Hacking: i problemi a monte

Perchè l’imprenditore preferisce sempre di piú un approccio orientato al Growth Hacking invece che al marketing in senso tradizionale? Per affrontare, finalmente, due problemi che stanno a monte.

Il primo consiste nel fatto che la gente non vuole essere rimbambita di chiacchiere e bombardamenti pubblicitari: tutti abbiamo le palle piene di questi personaggi che fanno gli splendidi investendo una barca di soldi per far vedere quanto sono ridicoli. Tutti, invece, gradiamo sapere di nuove opportunitá che emergono nel mercato per noi, e di qual è il valore che ogni prodotto e servizio ci offre.
Per veicolare questo genere di informazioni, ogni singolo imprenditore deve essere in grado di vendere, in modo semplice, genuino e banale. Finchè si nasconde dietro a banner e social media managers, di certo non impara mai a farlo.

L’altro problema è che si deve generare conversione: nessuno ha voglia di stanziare un pacco di soldi per qualcosa che “speriamo funzioni”. Tutti vogliamo risultati giá testati, prima di investire, oppure pagare la pubblicitá solo dopo che ha funzionato, non prima – come funziona nel programma di fedeltá che gestisco, per l’appunto.
Anche qui i singoli professionisti si possono impegnare di piú, di meno, o a periodi, ma almeno l’imprenditore non ci rimette per le inefficienze altrui e, rispetto alle proprie scommesse, ha modo di osservare quale frutta e quale no, senza sfracellarsi ogni volta a terra e dover fare imprese epiche per risollevarsi.

Growth Hacking: come applicarlo

Il mio consiglio è di farsi un piano suddiviso in due fasi di tre mesi in cui, in un totale di sei mesi di tempo, si lavori a strategie di conversione semplicissime:

  1. una attraverso delle email classiche (non email marketing sofisticato),
  2. un’altra tramite telefonate e messaggi privati e personali (via WhatsApp, Messanger, etc.),
  3. e una terza usando il networking offline (partecipazione a eventi e appuntamenti in cui è presente la propria nicchia di mercato).
growth hacking

Quando si impara a finalizzare le vendite attraverso questi canali, ha senso spostarsi progressivamente verso strategie piú sofisticate: piani editoriali, social integrati, video-marketing, etc. I canali più semplici sono la base di qualsiasi promozione e conversione.
Voler fare i sofisticati prima di far funzionare le basi è puro tempo sprecato.

Personalmente, sono per il Growth Hacking: l’ho sempre utilizzato. Scanso accuratamente quella banda di social media marketers di ogni sorta, che cercano di farsi pagare un occhio della testa senza mostrare nessun risultato testato.
Come ci riescono? Facendoti sentire in difetto: ti fanno credere che tu non sai farlo nè imparerai, e che senza di loro sarai perso. Ma sei proprio tu il primo che deve imparare a vendere (e alla grande!) il proprio prodotto o servizio. Raramente loro prendono a cuore il tuo business. A volte lo fanno, ma è davvero rarissimo. Io posso contare su una Seo Strategist che merita fiducia, ma a fronte di una ne ho dovute cacciare altre 4/5 che erano delle vere e proprie parassite. Molto meglio il Growth Haching e, solo dopo che sei già cresciuto, inizi a collaborare con dei marketers; cosí distingui i cialtroni dai seri e hai le idee chiare su come fare i prossimi passi, almeno a livello di strategia.

Ilaria Cusano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *