Kamasutra, 5 posizioni da provare

Kamasutra: uno dei più antichi compendi di arte amatoria

Tantra, Kamasutra, Taoismo, sciamanesimo peruviano: tutti saperi antichissimi che, negli ultimi anni, vengono ripresi in quanto integri. Sono pochissime, infatti, le tradizioni spirituali che hanno preservato, nella loro trasmissione attraverso i secoli, anche la parte sessuale. Nella maggior parte delle culture, i soliti moralisti repressi e manipolatori di masse, hanno pensato bene di tenere questa parte solo per sé, nascondendola ai più; per paura, per ignoranza, per dei giochi di potere.
Oggi è diverso: oggi chi vuole può appropriarsi della conoscenza. Anche della sua parte più profonda, cioè quella relativa a sessualità e amore.

In questo articolo spiegherò brevemente come sperimentare 5 posizioni del kamasutra e accennerò anche a qualche perché.

Contemplare e adorare la vagina

Pratiche importantissime, in cui la donna ricorda il miracolo immenso che è e l’uomo lo onora, sottomettendosi a una forza più grande a cui la donna si deve sottomette per natura, attraverso il ciclo e il parto, e l’uomo per scelta… almeno in apparenza, nella sua percezione.
Basta lasciare che l’uomo guardi, assorto e rapito, la bellezza della vagina aperta. Questo crea una connessione bellissima, anche spirituale e trascendentale e non solo emotiva e fisica.

Masturbarsi, lasciandosi guardare

KamaSutra

Spesso sentiamo parlare del guardare e farsi guardare quasi come fossero dei capricci degli uomini. E purtroppo molte persone si vergognano del proprio corpo.
E’ importantissimo superare questi complessi e pregiudizi: guardare e farsi guardare sono forme di contemplazione e adorazione che stanno alla base dell’arte amatoria. Si vede la bellezza dell’altro, la si rinoscere e omaggia. E’ importantissimo saperlo fare, e saperlo lasciar fare all’altro.
Nell’auto-erotismo questa pratica raggiunge la sua esaltazione massima, con grande godimento da parte di entrambi.

Lasciarsi guidare dall’uomo, mantenendo la propria forza

KamaSutra

Qui la donna è in posizione statica, ma forte, perché deve restare ben aperta e stabile, tenendosi la gamba da sotto la coscia, mentre l’uomo assume la posa più dinamica. E’ lui, qui, che si muove, che crea. Il fatto di essere messo di lato gli dà sia più possibilità di movimento, sia l’occasione di far arrivare il suo pene in più punti della vagina, potendola così stimolare in varie zone.
Si supera il classico stare sotto o sopra, e si sperimenta più che altro una forma creativa e dinamica, insieme.

Convogliare l’energia sessuale

KamaSutra

Questa posizione è la meno facile da fare. Richiede forza e radicamento da parte di entrambi, e una notevole capacità di concetrazione. In compenso, basta tenerla anche meno di un minuto per far sì che la potenza sessuale che si sprigiona con la penetrazione metta radici a terra.
Tanto la donna quanto l’uomo, qui, piantano i piedi e continuano a far salire il godimento, mentre la corrente di energia sessuale, però, finalmente inizia anche a scendere, contemporaneamente.

Creare un circuito di energia d’amore

Una volta attivati tanto i piani alti verso la testa quanto i piani bassi fino ai piedi, le due correnti di energia sessuale ascensionale e discensionale possono scorrere liberamente. E’ questo flusso che trasporta il godimento e l’estasi sessuale in ogni luogo del nostro corpo, facendoci contemporaneamente sprofondare e volare.
Allora ci si può mettere in questa semplicissima posizione per sentir circolare l’energia nei propri due corpi uniti, in questo misterioso nuovo luogo che magicamente nasce da un amore

Ilaria Cusano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *