Cambiare vita nel 2019: propositi per il nuovo anno

Domanda chiave: sta funzionando?

Per avviare un cambiamento che sia anche un rinnovamento positivo – e non uno sbotto isterico – è necessario un parametro guida, una “stella cometa”, una strada.
La strada che ho deciso di proporti oggi si sintetizza bene nella domanda

Sta funzionando?

propositi nuovo anno

A tal proposito, alcune premesse importantissime.
Se ti ci stai dedicando da un mese, che si tratti di una storia d’amore, un progetto o una nuova casa, non ha senso chiedertelo ora: datti un limite di tempo entro cui porti la domanda in maniera matura e con cognizione di causa e, fino a quel momento, fai tutto ciò che è in tuo potere per farla funzionare.
Esempi. Per una storia d’amore, personalmente mi sono data questi limiti: tre incontri per valutare se il sesso funziona; tre settimane per il dialogo; tre mesi per valutare se la vita di coppia funziona. Per un progetto lavorativo: in 3/6 mesi faccio i test di marketing, in un anno il rodaggio del team; dopo massimo 2/3 anni, se economicamente non mi dà grandi soddisfazioni, lo chiudo o trasformo in misura significativa – cambio la struttura del team, faccio un re-branding, etc.
Se non dai fiducia a priori e non testi niente e nessuno, o se al contrario non esprimi valutazioni o i tuoi test durano cinque anni, allarme: stai buttando nel cesso la tua preziosissima nonché unica Vita! 

Crea la tua “Long Keyword”: nel 2019 la mia priorità è… 

E’ la versione più evoluta dell’esercizio della parola chiave.
Per diversi anni, alla fine dell’anno ho individuato una parola guida che mi ispirasse in tutto il mio operato, l’anno successivo; per il 2018, per esempio, la mia era “regno”.

La parola chiave deve rimandare a qualcosa di concreto e immaginabile – “amore” e “armonia” non vanno bene; in più, deve essere evocativa ed emozionante, toccare qualche tua corda profonda.

La long keyword si usa nel marketing ma può essere applicata efficacemente anche in questo contesto. Con la parola “regno”, per esempio, la long keyword avrebbe potuto essere “Costruire un regno”, “Arricchire il mio regno”, “Abbellire il mio regno”, “Consolidare il regno” o “Potenziare, proteggere e salvare il mio regno”, e via dicendo.

Fai lo stesso per te, per il 2019: individua prima la tua parola chiave e poi inventa una long keyword che la includa.
Sii onesta, schietta e diretta; non raccontartela con parole impapabili, ambigue o astratte. Vai dritta al punto e bandisci ogni imbarazzo, disagio e vergogna.
Senti dentro di te cosa vuoi di più al mondo, visualizzalo in una forma concreta e sintetizzalo prima in un concetto – parola singola – e poi in una long keyword.
Ti orienterà, supporterà e motiverà per tutto l’anno 😉

propositi nuovo anno

Propositi per il 2019: cambiare ciò che non sta funzionando

Se hai fatto tutto ciò che era in tuo potere e ancora non funziona, è ora di cambiare. Che si tratti di una relazione affettiva, di un lavoro o di una casa, città, etc., segui questi passi e vai verso il benessere e la felicità!
Aspettare che il mondo esterno di soddisfi è pura illusione; rimboccati le maniche e cambia tu le cose.

In primis, cambia te stessa

Quando hai già fatto tutto ciò che era in tuo potere per far funzionare le cose, questo step non può consistere in un cambio di punto di vista, di atteggiamento o di comunicazione. Il cambiamento deve essere più profondo e sostanziale, per la serie “Credevo che questo fosse l’uomo della mia vita, invece era uno degli uomini della mia vita. Per dare il meglio di me dovevo pensare che fosse lui l’unico ed ecco perché l’ho fatto e ne sono felice, ma ora so che non era vero”; oppure, “Ero convinta che questo lavoro fosse la mia vocazione, ma mi sbagliavo: la mia vocazione può avere mille forme ed è evidente che questa non è la migliore possibile”.

Poi,comunica i cambiamentiche hai deciso di implementare

Non devi per forza interpellare mille consiglieri, chiedere l’approvazione altrui o studiarti le statistiche mondiali, per decidere della tua vita. Se hai valutato che per te una cosa non sta funzionando, trova le parole migliori per spiegare a chi è coinvolto perché lo pensi e diglielo; se lo capirà bene, sennò hai comunque tutto il diritto di procedere per la tua strada anche se gli altri disapprovano le tue scelte.

Infine, individua l’alternativa auspicabile e rappresentatela in modo concreto 

Ecco degli esempi.
Interrompo un’amicizia perché non voglio essere trattata in modo aggressivo e manipolatorio – giudizi, ripicche, ricatti, etc. Le amicizie che mi corrispondono sono quelle in cui si ammette di aver sbagliato, quando qualcuno viene ferito; si chiede scusa quando, anche involontariamente, si causa dolore; si sa fare un passo indietro e ci si sa mettere da parte, quando l’altro ne ha bisogno.
Trasformo un progetto professionale modificando significativamente il team che avevo aggregato perché non si è formato bene ed è evidente che non vuole farlo. Un team ben formato risponde positivamente a opportunità, stimoli e proposte di team building, a maggior ragione quando sono gratuite. Se certe persone prendono tanto e danno poco, criticano molto e quasi mai supportano e ispirano, competono o si isolano invece di cooperare e unirsi, è meglio investire le proprie energie su chi SA GIA’ comportarsi in maniera opposta – se le si vuole investire bene, costruendo qualcosa.

propositi nuovo anno

Pronta per un anno davvero nuovo?

Ho cercato di farti quanti più esempi concreti possibili. Negli anni ho visto che, spessissimo, il problema nei cambiamenti è proprio il non sapersi rappresentare scenari concreti – scenari da cui si vuole prendere le distanze, e scenari verso cui si vuole andare.
Saper generare e cavalcare dei cambiamenti è fondamentale, per vivere la vita che desideri – e non un incubo, magari prodotto pure da qualcun altro invece che da te.
Se ti rendi conto di aver bisogno di un aiuto professionale, dai un’occhiata ai nostri corsi online, ai miei audio-corsi e libri. Cambia per ispirazione, non aspettare che debba arrivare la sofferenza a costringerti 😉 

Ilaria Cusano

2 thoughts on “Cambiare vita nel 2019: propositi per il nuovo anno

  1. BARBARA

    Grazie. Buon Anno cara Ilaria, non sono ancora pronta ma lo sarò tra qualche tempo, lo sento.
    Ti seguo e ti stimo
    Barbara

    • Grazie cara Barbara 🙂 Sono grata e onorata per la tua stima. Mi hai messo una curiosità: non sei ancora pronta PER COSA? Varie esperienze professionali, ultimamente, mi spingono a credere che questa convinzione di non essere pronti si sia diffusa come una sorta di epidemia, soprattutto tra le donne. Vorrei comprendere meglio cosa c’è sotto; se ti va… Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *